Teatro, musica arte per il Maggio dei Monumenti

Teatro, musica arte per il Maggio dei Monumenti

E’ dedicato a Gaetano Filangieri il Maggio dei Monumenti 2019, promosso dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli. La XXV edizione, pensando ai moti rivoluzionari del 1799, avrà come tema Il diritto alla felicità. Filangieri e il ‘700 dei Lumi.

Il programma è frutto di un lavoro interistituzionale con i più importanti enti culturali della città e si articolerà in una serie di reading, concerti, spettacoli teatrali e di guarattelle, conferenze, mostre, convegni e visite guidate, in diversi luoghi della regione.

Dal 17 al 19 maggio avrà luogo la terza edizione della manifestazione Porto aperto, una collaborazione tra le Autorità portuali di Castellammare di Stabia, Salerno e Napoli.

Per celebrare il XXV anniversario della manifestazione l’immagine guida della campagna grafica è stata realizzata dall’artista di fama internazionale Ernest Pignon-Ernest, presente in città con una mostra dal titolo Extases, nella chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco. L’artista ha poi lavorato al progetto grafico della manifestazione ed è inoltre l’ideatore e il testimonial della prima campagna antimbrattamento promossa dal tavolo interassessorile per la creatività urbana del Comune di Napoli a tutela del patrimonio storico-artistico cittadino. La campagna promuove il messaggio “Un muro imbrattato è un volto ferito”.

“l diritto alla felicità sarà anche dei bambini”, spiegano. Il Prologo sarà eseguito, infatti, dall’Orchestra Scarlatti Junior, all’Auditorium Scarlatti della RAI di Napoli questa sera mercoledì 24 aprile.

Domenica 28 aprile il programma sarà aperto dal maestro guarattellaro Bruno Leone che continuerà per tutto il mese di maggio con la presenza di grandi ospiti come Tonino Taiuti, Mimmo Cuticchio, Ibrahim Drabo e il musicista Romeo Barbaro.

Ancora musica con i giovani de La Digestion – musica ascoltata raramente al Maschio Angioino, con un festival su musica e medicina dal titolo Musica Sanae.

Il 25 aprile, il Manifesto degli Intellettuali antifascisti redatto da Benedetto Croce e pubblicato il 1° maggio 1925, ”Il diritto di parlare e il dovere di rispondere”, sarà stampato e distribuito in migliaia di copie. Saranno deposti fasci di fiori presso le lapidi in onore di Giovanni Amendola, Matilde Serao e Roberto Bracco. Dalle 11.30, nella sala dei Baroni al Maschio Angioino, una staffetta di artisti, intellettuali e personalità del mondo della cultura racconterà il ‘proprio senso’ del 25 aprile con interventi musicali del duo Ebbanesis, Roberto Colella (La Maschera) e di Dario Sansone (Foja).

Gli altri eventi del Maggio 2019: la mostra bibliografica e iconografica “Il diritto alla felicità. La stagione delle riforme” nel Regno di Napoli che inaugura il 1° maggio alla Biblioteca Nazionale; quella didattica e documentaria “Gaetano Filangieri. Lo Stato secondo ragione” nel Maschio Angioino; il ciclo di lezioni su Gaetano Filangieri condotte dal prof. Gerardo Ruggiero a cura della Società Napoletana di Storia Patria; la minirassegna teatrale “I Colori della Felicità” nel Chiostro del Convento di San Domenico Maggiore; i concerti di musica del Settecento “XXI Festival Pianistico; Il ‘700: il classicismo, la nascita delle forme e i suoi sviluppi”; la lettura teatralizzata “Voglio essere felice” a cura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II; le lezioni nelle scuole “Felicità pubblica, felicità privata: un dibattito settecentesco” a cura dell’Istituto italiano per gli studi storici; il convegno all’Institut français Napoli “Alla ricerca della felicità”; gli incontri tra parole, musica e immagini “La felicità a Napoli: Goethe incontra Filangieri” con letture di Enzo Salomone tra il Maschio Angioino e la Sala Ichos San Giovanni a Teduccio; lo spettacolo teatrale “Eleonora Pimentel Fonseca, con civica espansione di cuore” nell’ambito della rassegna Montedidio. Per la prima volta approda a Napoli, nel weekend del 18 e 19 maggio, “OnDance – Accendiamo la Danza”, la grande festa della danza voluta e organizzata dalla star internazionale del balletto Roberto Bolle.

L’11 maggio al Maschio Angioino ci sarà il concerto “Suspiro” del trio Suonno D’Ajere, ensemble, composto da Irene Scarpato (canto), Marcello Smigliante Gentile (mandolino.mandola.mandoloncello) e Gian Marco Libeccio (chitarra classica).

Dopo la musica il teatro: Roberto Azzurro sarà di scena al Succorpo dell’Annunziata l’11 maggio con “Scarrafunera” e il 3 maggio aprirà, con “La ballata del carcere di Reading”, la tre giorni di teatro e musica a cura dell’Associazione Wunderkammer al Cimitero delle Fontanelle.

Nel Maggio trovano spazio ormai come da tradizione anche le bande dei corpi militari. dell’Esercito. Numerose le visite guidate alla scoperta e riscoperta della bellezza e dei tesori.

Le mostre: al Pan gli ultimi giorni di “Escher”, “Muhammad Ali”, “L’Ironia del Sindaco artista. Disegni di Maurizio Valenzi” e la retrospettiva di Elio Washimps; nel Convento di San Domenico Maggiore “Transvantgarbage. Terre dei Fuochi e di Nessuno” mostra fotografica di Marisa Laurito; al Museo di Capodimonte “Caravaggio. Napoli”; al MANN “Canova e l’antico”; nella Basilica della Pietrasanta “Chagall. Sogno d’amore”; nella Cappella Palatina a Maschio Angioino “Crisi e Rinascita” di Marco Campanella; nella chiesa del Purgatorio ad Arco “Extases” di Ernest Pignon-Ernest; al Museo Filangieri “Un secolo di furore – I caravaggisti del Filangieri”.

Il programma completo e aggiornato delle iniziative è disponibile on line sul sito del Comune www.comune.napoli.it.

 

 

Share