Parte il Napoli Teatro Festival Italia

Redazione

Una scena di "Pinocchio"
Una scena di “Pinocchio”

Ritorna il Napoli Teatro Festival Italia, che si svolgerà tra il 15 giugno e il 15 luglio con “l’obiettivo di promuovere lo sviluppo e la valorizzazione delle realtà artistiche e creative territoriali”, come spiega Luigi Grispello, Presidente della Fondazione Campania dei Festival.

I numeri: 37 spettacoli in 4 settimane, artisti e compagnie provenienti da tutto il mondo: 10 dall’Europa, 4 dalle Americhe, 4 dall’Asia, 2 dall’Africa, oltre a 17 spettacoli italiani.

Andranno in scena lavori di Michèle De Mey e Jaco Van Dormael, Shiro Takatani, Françoise Bloch, Joël Pommerat, Brett Bailey, Katia e Marielle Labèque, Omar Abusaada, Robert Lepage, James Thierrée, Valery Fokin, Peter Sellars, Fabrice Murgia, Eugenio Barba all’interno di un progetto a cura di Lorenzo Gleijeses, William Kentridge, Svetlana Zakharova, Ali e Hèdi Thabet. Tra gli italiani: Federico Buffa, Ascanio Celestini, Carlo Cerciello, Emma Dante, Luca De Fusco, Maurizio De Giovanni, Sara Sole Notarbartolo, Daniele Salvo, Pierpaolo Sepe, Luigi De Angelis, la compagnia Punta Corsara.

Credo che un festival sia soprattutto un luogo di scambio e confronti, – dichiara Franco Dragone, direttore artistico per quest’anno – dove tutte le tendenze devono poter trovare il loro posto, da quelle della tradizione, che esistono da molto tempo, a quelle appena nate, fino a quelle che stanno per germogliare. Il Napoli Teatro Festival Italia è per me l’occasione di esprimere pienamente tre aspetti centrali del mio percorso di vita: artistico, personale e civile. Artistico, perché porto a Napoli – città che adoro – e nella regione Campania spettacoli che vengono da tutto il mondo, alcuni dei quali dal Belgio che mi ha dato tanto e che amo quanto l’Italia. Personale, perché questa vita da saltimbanco avrebbe potuto fare di me un apolide, mentre con questa occasione, sono felice di ritornare sui passi del bambino che ero e che sono ancora. Civile, perché i dolori del mondo sono i miei e le pulsazioni del suo cuore scandiscono il mio”.

Oltre al periodo estivo, il Napoli Teatro Festival Italia si protrarrà per tutto il 2016, proponendo altre tre sessioni. La seconda sessione, dedicata alle compagnie off e prevista per settembre, si focalizzerà invece sull’estensione delle attività del Festival in Regione, con il format itinerante Casteldeigiovani.

Il terzo momento, la Napoli Teatro Factory, si propone di formare e sostenere la nascita di talenti e compagnie sul territorio, tramite una sorta di fucina teatrale per la creazione di spettacoli nuovi distribuita tra NTFI e i Centri di Produzione Teatrale campani e napoletani.

Il quarto segmento, Natale Napoli, collocato nel periodo tra novembre e dicembre 2016, sarà dedicato a spettacoli che si svilupperanno sui temi della storia culturale, civile e teatrale della città di Napoli.

I LUOGHI

Spettacoli ed eventi avranno luogo in questi spazi: Teatro Politeama, Teatro NEST, Teatro Mercadante, Teatro di San Carlo, Villa Pignatelli, Teatro Nuovo, Arena Flegrea, Teatro Bellini, Galleria Toledo, Teatro Sannazaro, Pausilypon, Ridotto delMercadante, Teatro Augusteo, Teatro Diana, Museo Diocesano, Sala Assoli, Teatro Piccolo Bellini, Teatro San Ferdinando, alcune location della regione:Positano, Ravello, Paestum, Castellabate, Acciaroli e Scario, e il Bus Theatre che nel suo percorso raggiungerà piccoli comuni delle cinque province. Inoltre, sono state organizzate quattro residenze, due a Salerno, una a Benevento e una ad Avellino.

Tutte le informazioni, il calendario, le schede e le foto degli spettacoli e dei protagonisti dell’edizione 2016 sul sito ufficialewww.napoliteatrofestival.it

 

 

 

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Nuovo progetto

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web