Pescatori d’ogni tempo con Viviani

Anita B.Monti

E’ un’opera scritta nel 1925, eppure come tutti i grandi testi, è valida ancora oggi. Eterne tematiche affliggono o coinvolgono l’uomo, seppure in periodi e luoghi diversi. E’ certamente il caso di Raffaele Viviani, tanto rappresentato negli ultimi tempi, grazie alla grandezza della sua poesia e dall’universalità dei suoi personaggi.

Al Centro Teatro Spazio di San Giorgio a Cremano, Vincenzo Borrelli sceglie ‘E piscature per celebrare il grande drammaturgo. Ne rielabora il testo, reinventa l’ambientazione e lo mette in scena dal 3 al 18 dicembre 2022. Ne sono protagonisti con lui, Rosaria De Cicco, Enzo Attanasio, Vincenzo Merolla, Cristina Ammendola, Antonio Tatarella, Nancy Fontanella. Sulle scene di CTS, con i costumi di Annalisa Ciaramella, le musiche originali di Alessandro Liccardo.

Ho immaginato i vari ruoli come personaggi ‘acquatici’ – spiega Borrelli – esseri umani che vivono in simbiosi con il loro elemento principe, l’acqua. Tutti, eccezion fatta per Cumpa’ Dummineco, anima nera della comunità e dell’intero dramma, l’unico che ha abiti e tratti diversi rispetto agli altri. Questo allestimento raccoglie il linguaggio di Viviani, mirando però a renderlo più scorrevole e veloce. Seppure in un’atmosfera onirica, i personaggi conducono la loro umile esistenza in una sorta di promiscuità, quasi l’uno sull’altro, sotto lo sguardo onnipresente del mare, che è salvezza e giudice.”

La scena è ideologicamente divisa in due: l’ambiente casalingo racchiude la dimensione più familiare, ma è anche palcoscenico del dramma, fulcro della vicenda; l’ambiente esterno, governato e dominato dal mare.

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web