Pullecenella sta ‘ncopp’a croce.

Redazione

Pulcinella in croce

Pullecenella sta ‘ncopp’a croce.

Chi ce l’ha miso?

Simmo stati nuie.

Tutte quante.

Belle, brutte,

scieme e intelligenti,

gruosse e piccirilli

ricchi e puverielli,

onesti e mariuoli.

 

Ce l’ammo miso

quanno ammo accumminciato a dicere:

“Ma che m’’mporta:

Pullecenella mica è figlio a mme”.

Me fa rirere, sì,

me fa chiagnere, sì,

m’accumpagna dint’ ‘e suonne,

me cunsola dint’ ‘e guaje.

 

Isso ‘o sape c’adda fa’,

ma continua a suppurta’:

luce, buio,

bianco, nero,

vita, morte,

odio e ammore”.

 

Isso dice: “Nun m’o fanno fa’

faccio ‘o scemo pe campa’,

faccio ‘o pazzo pe pazzia’.

Ma so’ sulo ‘nu pupazzo,

dint’o core tengo ‘o strazio!

Vuie dicite: «‘A vuo’ ferni’

accussì nun ghiammo annanze.

T’ ‘ia ferma’

ia’ scumpari’

chesti cose già se sanno».

 

Chi cummanna invece dice:

«Statte zitto, nun parla’

Si ce tieni e vuo’ campa’.

Altrimenti, chianu chian

t’arrubbammo ‘a libertà».

Vuie pazziate?

Me vulite sfruculia’?

Addo’ sta sta libertà?

‘ncoppa ‘a croce me fai sta’.

«Statte zitto, nun scuccia’.

‘a situazione è chesta cca.

Nun te piace? Te vuo’ ribella’?

Te mannammo Chillu lla’».

 

Basta. Mo’ m’ate scucciato,

nun m’ammocco niente cchiù.

Da sta croce me ne scengo

e accummencio a fatica’.

‘A giustizia è tutta scritta

l’amma sulo fa campa’.

Dint’ ‘a luce o sotto ‘a pioggia,

miez ‘a via o a casa mia:

aiutateme a cagna’”.

 

Tanta gente pusitiva.

È n’esercito potente

che pe ll’arme usa l’ammore,

a bellezza e l’arte chiena.

 

E ’a croce?

Nu ricordo sulamente.

 

di Anita B. Monti 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Nuovo progetto

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web