Quando il tango è pura poesia

Maresa Galli

Horacio Ferrer
Horacio Ferrer

Al Teatro Sannazaro di Napoli proseguono gli spettacoli  di TraTurMo’, festival ideato da Lara Sansone per esaltare le Tradizioni che fanno Turismo nel Mondo (e Mo’). Tanto pubblico e numerosi tanghéri accorrono per incontrare un personaggio leggendario: il grande poeta Horacio Ferrer che ha fatto buon gioco di squadra con Astor Piazzolla creando capolavori e innovando profondamente il tango delle origini. Uruguaiano, Ferrer è ormai a tutti gli effetti argentino. L’incontro con Piazzolla avvenne quando era appena un ragazzo per dare vita al Club de la Guardia Nueva. Come Piazzolla, che introdusse elementi di jazz, cameristici, sinfonici nel tango classico di Gardel, come Troilo e Salgàn, creò il nuovo tango. Da sempre fusione di meravigliose arti (musica, canto, verso, danza), il tango di Ferrer è lirismo puro, canzone recitata e danzata da perfetti tangheri che fanno sognare, che trasportano in Argentina, una terra vicina agli italiani. Nel suo spettacolo l’artista, ancora emozionato nel recitare liriche su musiche di Piazzolla e Adrover, si avvale della potente, duttile voce di Guillermo Fernandez ed Ana Karina Rossi, ballati da Adriano Mauriello e Mariel Roces. Li accompagna nel viaggio sonoro/coreutico l’orchestra Lo Que Vendrà, diretta dal m° Lisandro Adrover.

Nel foyeur del Teatro sono esposte alcune tele dei brani scritti da Piazzolla e Ferrer, a cura di Lulà Michelli Ferrer. Piazzolla e Ferrer hanno dato vita alla nuova estetica del genere, scrivendo memorabili pagine del tango-cancion: al pubblico ripropongono “Maria de Buenos Aires”, “Balada para un loco”, “Chiquilìn de Bachìn”, “Milonga del trovador” e altre perle del suo vasto repertorio. Nell’introduzione della serata Leopoldo Mastelloni ricorda la grande voce italiana che diede vita ai versi di Ferrer, quella di Milly, e le sue traduzioni dei tanghi di Piazzolla “Moriré en Buenos Aires” e “Rinascerò”, tanto amate da Luisa Conte.

Uno spettacolo straordinario per il candidato al  “Premio Nobel per la Pace”, Ferrer, artista unico che spicca in un cartellone che è ad un tempo turistico e di nicchia, offrendo il meglio dei generi musicali di tutto il mondo, con originalità ed eleganza.

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web