Quando l’improvvisazione si fa arte

Renato Aiello

Grande successo di pubblico per “Play Duett”, lo spettacolo tornato in scena domenica 30 gennaio 2022 questa volta al Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore, nella Sala del Capitolo a Napoli. Una produzione di Casa del Contemporaneo che per ottanta minuti ha intrattenuto con estro e musicalità gli spettatori.

Protagonisti assoluti Lino Musella e Tonino Taiuti, il primo reduce da tanto cinema e tv (dalle prime due stagioni di “Gomorra la serie” ai Fratelli d’Innocenzo in “Favolacce”, alla pellicola di Martone “Qui rido io”, fino all’ultimo film di Sorrentino “È stata la mano di Dio”), nonché teatro con “Tavola, Tavola, chiodo, chiodo”. Mentre il secondo è un vero pezzo di storia del teatro partenopeo, che ha recitato insieme a Renato Carpentieri e Antonio Neiwiller e con registi come Moscato, Martone e Salvatores.

Sulle note eseguite dal vivo da Marco Vidino, l’improvvisazione ha preso forma e sostanza attraverso due voci, due volti, intrecciando frammenti dell’opera di Enzo Moscato e di Raffaele Viviani, spaziando da Shakespeare a Beckett e Eliott, e passando da “Lo cunto de li cunti” del Basile – riadattato da Ferdinando Russo -, fino alle “Tragedie in due battute” di Achille Campanile. Un gioco musicale senza struttura, estemporaneo per volontà precisa e poetica dichiarata, che stupisce con parole, luci, lampi di fuoco improvvisi e volute di fumo di sigaretta dal piccolo camerino allestito sul palchetto, unico vero elemento di scena.

Promossa nell’ambito della programmazione del Natale a Napoli 2021 dal Comune di Napoli, con il contributo della Città Metropolitana di Napoli, questa jazz version ha fatto il suo ritorno sotto gli splendidi affreschi e gli stucchi del Capitolo della splendida basilica, mescolando vecchio e nuovo, elementi differenti come il reading, la recitazione a soggetto, il canto, il travestimento buffo e grottesco, la metateatralità, la poesia e l’antropologia. Un concerto improvvisato di lingue e colori, dove i classici si confrontano col contemporaneo, in un’alternanza di tempi e luoghi che emerge dalle macerie di un mondo lontano e dalla memoria.

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web