Risate e spunti di riflessione con Simone Schettino

Danila Liguori

Tutto attorno a noi cambia, si evolve. Gli oggetti diventano più tecnologici, la vita più agiata. Solo l’indole umana, quella no. Lei è sempre uguale. Per questo continuiamo a commettere gli stessi errori anche a distanza di centinaia d’anni. Nemmeno la pandemia, nonostante i buoni propositi del “ce la faremo”, o “andrà tutto bene”, ci ha resi migliori di quel che eravamo.

Questo più o meno vale per tutti, dai personaggi potenti, che spesso mettiamo alla sbarra, fino ai comuni mortali che fanno meno notizia ma sbagliano ugualmente. Continuiamo a desiderare più di quel che abbiamo o ci possiamo permettere, ma poi non abbiamo il tempo per goderne.

Con questa impietosa descrizione del genere umano Simone Schettino presenta il suo nuovo spettacolo “Se tutto va bene… stiamo uguale a prima”, in scena al teatro partenopeo Cilea fino a domenica 26 marzo 2023. Attraverso l’ironia che lo contraddistingue, l’attore parla dei temi scottanti degli ultimi anni: dal covid alla guerra in Ucraina, dal caro bollette a quello della benzina, che ci stanno letteralmente riducendo sul lastrico. E ancora: dal trash in tv alla dipendenza da social media, dalla malasanità al tanto chiacchierato reddito di cittadinanza. Passando per i nostri politici, che con le loro azioni prestano il fianco a battute e ilarità.

La verità, secondo Schettino che ci fa riflettere tra una risata e l’altra, è che ognuno vorrebbe un mondo migliore, ma fa ben poco per migliorarsi. E allora continuiamo a trascinare le nostre vite e a crogiolarci nel “così fan tutti”. Ma il messaggio dello spettacolo è assolutamente positivo: il popolo napoletano, da sempre abituato all’adattamento e all’arte dell’arrangiarsi, ce la può fare. Possiamo “salvarci”. E “se tutto va bene…stiamo uguale a prima!

 

 

 

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web