Teatro Bolivar di Napoli, stagione 2024/2025

Maresa Galli

Gradevole apertura della Stagione del Teatro Bolivar di Napoli alla conferenza di presentazione con la performance di Ginevra e Viola di Funa Danza Verticale, accompagnate dal writer Samuel, che hanno dipinto lo slogan della stagione 2024/2025. “Ne abbiamo piene le scatole”.

Un momento della performance di Funa Danza Verticale

Raccontano il cartellone, che presenta spettacoli di prosa, musica e attività laboratoriali con spettacoli per i più piccoli, la padrona di casa, Romina De Luca, e la giornalista Gabriella Diliberto, che modera l’incontro.

Scelte audaci che danno ragione ad Anna Evangelista e Stefano Scopino, di Nu ‘Tracks, per il terzo anno consecutivo direttori artistici del Teatro di Materdei.

IL CARTELLONE

Un’ anticipazione sui concerti al Teatro Bolivar. Il 9 agosto, all’Arena Flegrea, nell’ambito del “Noisy Naples Fest” il concerto del cantautore australiano Xavier Rudd.

L’11 ottobre, evento già sold out al Bolivar, concerto di Dargen D’Amico.

Il 19 ottobre, al Bolivar, in scena lo spettacolo “A testa alta”, di e con Mimmo Maglionico & Pietrarsa, con Isa Danieli e la partecipazione del cantante cileno Gabriel Aguilera. Lo spettacolo prende spunto dal colpo di stato del 1973 in Cile. Il canzoniere di Victor Jara, Violeta Parra e Inti Illimani fa da collante alle storie raccontate in scena.

Il 26 ottobre sarà la volta di “Una guerra”, con un testo a cura di Michele Santeramo e con Anna Foglietta e Francesco Mariozzi al violoncello.

È la storia di una madre che per sfuggire alla guerra intraprende con i figli un viaggio della speranza attraverso il Mediterraneo.

Il 17 novembre “Tra sacro e profano”, spettacolo di e con Vinicio Marchioni, che celebra la magia di Roma.

Il primo dicembre in scena l’illusionista Luca Bono, regia di Arturo Brachetti.

Il 22 dicembre torna al Bolivar la Nuova Compagnia di Canto Popolare con un repertorio di canti tradizionali dedicati al Natale.

Il 16 febbraio 2025 lo spettacolo “Stai zitta!”, dall’omonimo libro di Michela Murgia, con Antonella Questa, Valentina Melis e Teresa Cinque, contro gli stereotipi di genere.

Il 15 marzo debutterà “Come una catapulta”, con Herbert Ballerina, regia di Paolo Ruffini.

Il 5 aprile Nando Paone proporrà “Sagoma. Monologo per luce sola”, di Fabio Pisano, con Matteo Biccari; regia e luci di Davide Iodice, una produzione Artgarage Teatro.

Il 9 maggio chiuderà il cartellone “Neapolis Mantra”, un’opera multidisciplinare ideata dal regista italo-africano Mvula Sungani, che porterà sul palco l’étoile Emanuela Bianchini ed Enzo Gragnaniello con la sua band.

Fuori abbonamento l’omaggio di Stefano Sarcinelli a Felice Andreasi, supervisione di Cochi Ponzoni.

Proseguono le attività dei laboratori teatrali a cura di Fulvio Sacco (La bottega teatrale) e di Martina Zaccaro (Laboratorio pedagogico teatrale).

Al via gli abbonamenti con la preview per i vecchi abbonati.

 

(fotografie di Maresa Galli)

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web