Teatro e design, seconda edizione

Redazione

Cinzia MIrabella
Cinzia MIrabella

Case di design o straordinarie dimore patrizie, home gallery e atelier di artisti, showroom e antiche chiese sconsacrate. Ritorna anche per quest’anno Wunderkammer, la rassegna di “Occasioni di teatro in spazi d’autore” che all’insegna del nomadismo offre l’opportunità di assistere a performance teatrali in spazi molto spesso non aperti al pubblico.

Quattordici appuntamenti in altrettante location d’eccellenza – spiegano gli ideatori Cinzia Mirabella e Diego Nuzzo – con la formula che ha già spopolato l’anno scorso con spettacoli che hanno ibridato la passione per la scena con quella per l’architettura e il design. Alle caratteristiche del nomadismo si è unito quel quid di speciale nella clandestinità delle rappresentazioni: le location infatti sono state rigorosamente occultate ai partecipanti che solo la mattina della performance hanno ricevuto una mail di conferma con le indicazioni del luogo dove si sarebbe svolto lo spettacolo”.

Quest’anno si alterneranno nel programma i registi Alexander Nordstorm, Mario Gelardi e Giovanni Meola e gli attori Roberto Azzurro, Cinzia Mirabella, Ciro Zangaro, Carmine Borrino.

Si inizia venerdì 28 novembre alle ore 21.00 con Una donna indifesa di Antonio Vladimir Marino con Adelaide Oliano, Massimo Bonsai, Roberto Ingenito e la regia di Roberto Ingenito. In bilico tra naturalismo attoriale e un contesto surreale e minimalista, uno spettacolo tratto da uno scritto giovanile di Anton Cechov dalle tinte comiche che è anche l’emblema grottesco dell’incomunicabilità dell’essere umano.

Per prendere parte ai concerti bisogna inviare una mail all’indirizzo wunderkammer_teatro@libero.it. La mattina della performance si riceverà una mail con le indicazioni del luogo dove si svolgerà lo spettacolo.

 

“Wunderkammer, – spiega Nuzzo – in italiano camera delle meraviglie o delle curiosità, è un’espressione appartenente alla lingua tedesca, usata per indicare particolari ambienti in cui, dal XVI al XVIII secolo, i collezionisti erano soliti conservare raccolte di oggetti straordinari per le loro caratteristiche straordinarie”.

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web