Tra battute e invenzioni

Redazione

Tonino Taiuti si ispira a Petito e dirige ‘Na lettera pe’ tre ‘nnammurati, tratto da “Tre surice dint’a no mastrillo”. L’attore, interprete di testi di tradizione e contemporanei, ben

La locandina
La locandina

conosce i meccanismi comici del repertorio partenopeo. In questo caso, reiventa e attualizza lo scritto del Maestro. Taiuti scrive nelle note di regia: “Lo spettacolo, prende vita dalle radici di un repertorio, ormai, da tutti riconosciuto come “Teatro Europeo”. Qui, però, il gioco si innesta in citazioni reinventate liberamente, in modo dissacrante, in una comicità contemporanea, ed ecco che allora, Pulcinella diventa Felice e Felice diventa Pulcinella. ” ‘Na lettera ” è la storia di tre corteggiatori, innamorati della stessa donna, che si combattono a suon di battute e invenzioni, contaminate dalla nostra contemporaneità. Abbiamo constatato poi, nel corso del nostro lavoro, leggendo tra gli scritti critici su Petito, che il metodo da noi applicato per la nostra messinscena non era altro che quello che faceva questo grande artista, costruendo i suoi testi insieme agli attori, proprio nella fase delle prove”.

In scena al Circolo Arcas Teatro di Napoli, dal 4 al 6 e dall’11 al 13 aprile, lo spettacolo è interpretato da Marcello Raimondi, Riccardo Citro, Aurelio De Matteis, Maria Rosaria De Liquori, Federica Totaro, Peppe Carosella.

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web