Una passione inconfessabile

Marco Fo

Una scena
Una scena

Due autori, scrittori e drammaturghi, si uniscono per dare vita a una storia, quella di un amore proibito, poco conosciuto, tra due importanti uomini italiani. Claudio Finelli e Antonio Mocciola scrivono a quattro mani Leopardi amava Ranieri, testo che racconta del rapporto tra il poeta e l’esule napoletano.

Lo spettacolo va in scena al Nuovo Teatro Sanità di Napoli dall’8 al 10 aprile con la regia di Mario Gelardi. Sul palco, Antonio Agerola e Fulvio Sacco vestono i panni, rispettivamente, del poeta di Recanati e dell’amico, Antonio Ranieri, a lui vicino fino agli ultimi istanti di vita. A impreziosire la messinscena, la partecipazione di Lalla Esposito e Irene Grasso, sulle musiche originali e le immagini a cura di Ciro Pellegrino.

Il 13 giugno 1837, onomastico di Antonio Ranieri, fu l’ultima notte di Giacomo Leopardi che morì l’indomani mattina. Lo spettacolo si propone di portare in scena gli ultimi momenti della tormentata esistenza, tra sofferenze e dolori, del poeta marchigiano. Attraverso la storia dell’amicizia con Ranieri viene messo a nudo l’animo di Giacomo Leopardi, un uomo vivace, esuberante, curioso di porgere lo sguardo oltre il “natio borgo selvaggio”.

Dalle lettere scritte per il sodale napoletano, s’intuisce che il sentimento provato da Giacomo andava ben oltre il legame amicale. Si trattava di una vera e propria passione per l’uomo con cui trascorse gli ultimi sette anni della vita. Una passione, forse, non ricambiata. Una passione repressa e inconfessabile per quei tempi.

«Non ho cercato verosimiglianza fisica e non ho accentuato i malanni di Leopardi, – dichiara il regista Mario Gelardi – con gli attori abbiamo cercato di restituire la sofferenza fisica attraverso l’impossibilità di essere fino in fondo se stessi come se la volontà di non vivere una passione, un sentimento, in qualche modo soffocasse i due protagonisti».

 

«Due uomini e una storia. Una storia che non ha fatto epoca, perché l’epoca era quella sbagliata. Il poeta marchigiano malaticcio e il bellimbusto partenopeo rampante: l’unione fece la forza di entrambi, finché il cuore di Giacomo Leopardi non resse. Antonio Ranieri non ebbe parole gentili, post mortem. E le sue lettere indirizzate all’artista furono lacerate. Ma le parole di Giacomo pesano come macigni, e la sua bella grafia parla ancora d’Amore. Per chi ai tempi non volle sapere, non volle vedere, non volle comprendere. E per chi ancora adesso assegna a Giacomo Leopardi solo caste fantasie frustrate o, peggio ancora, sesso raccattato con avarissime mance. Non fu solo quello. Che ci piaccia o no, Leopardi Amava Ranieri».

Claudio Finelli e Antonio Mocciola

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web