Una storia antica, due fratelli divisi per anni

Redazione

di Giancarlo Giacci

Estate 1956, Francia, Andrè (Antonio Folletto) va alla ricerca di suo fratello Fabio (Francesco Di Leva) che aveva lasciato Procida da 17 anni per arruolarsi come volontario nell’avventura fascista in Libia. Andrè al contrario era comunista come il padre. La storia narrata nel film Come prima, si rifà ad una grafic novel omonima di Alfred rivista e riadattata liberamente dal regista Tommy Weber.

Due fratelli esteriormente diversi ma intimamente simili, Fabio ha un carattere esplosivo, violento molto fisico nel suo atteggiamento verso gli altri ma che nasconde tante fragilità, Andrè al contrario pacato, controllato, razionale che non ha mai lasciato la sua amata terra, Procida, va alla ricerca del fratello per ricondurlo al padre, molto malato, che vuole rivederlo prima di morire.

Il lungo on the road con una Fiat 1100 è pieno di accadimenti che sembrano ogni momento interrompere definitivamente il lungo viaggio da Dieppe a Procida. L’Italia che attraversano è un po’ troppo surreale, improbabili strade di campagna fuori del mondo non lasciano tracce dell’Italia che attraversano, indubbiamente una scelta voluta. Nonostante le difficoltà e gli incontri riescono a giungere in tempo a Procida per l’incontro con il padre (Massimiliano Rossi) e a riappacificarsi dopo tanti anni.

La narrazione è incalzante mantenendo sempre viva l’attenzione anche grazie al particolare formato scelto per la proiezione, il 4/3 che permette continui primi piani che evidenziano l’ottima interpretazione di Di Leva e Folletto entrambi in un momento di grazia, sempre in conflitto, anche fisico tra loro, ma che alla fine, dopo la morte del padre, si avvicinano, avvertendo nell’altro caratteristiche simili alle proprie. Due personaggi diametralmente opposti interpretati da due attori diversissimi ma entrambi molto bravi. Un bel cameo di Massimiliano Rossi nel ruolo del padre che quasi solo con la mimica riesce a far sentire il suo amore verso Fabio ritornato a casa.

Un buon film ben diretto ed interpretato che riesce, senza retorica, a narrare una storia antica quella dell’odio e amore tra due fratelli diversissimi da vedere ovviamente al Cinema.

L’anteprima del film

Come Prima

di Tommy Weber

dalla grafic novel Come prima di Alfred ( Lionel Papagalli)

sceneggiatura – Tommy Weber, Filippo Bologna, Luca Ranucci

con Francesco Di Leva, Antonio Folletto, Miriam Candurro, Paola Casella,

Massimiliano Rossi, Hugo Dillon, Carmen Pommella, Gianluca Gobbi

fotografia – Gianluca Laudadio

Musica – Antonio Fresa

Produttore – Luciano Stella per Mad , Alcatraz Films, Rosebud Entertainment Pictures,

Rai Cinema, con il sostegno di Film Commission Regione Campania

Distribuito – LuceCinecittà

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web