Lino Musella

Redazione

Lino Musella (Napoli, 1980), attore di teatro, cinema e televisione. Ha studiato recitazione con Guglielmo Guidi, e regia teatrale alla Paolo Grassi di Milano. Si è formato con Marcello Cotugno, Paolo Zuccari e Michela Lucenti/Balletto Civile. Negli anni ha alternato all’attività di attore quella di regista, autore, tecnico e disegnatore luci. Ha lavorato con Mario Martone, Antonio Latella, Jan Fabre, Valter Malosti, Alfredo Arias, Andrea De Rosa, Fabrizio Arcuri. Nel 2009 dà vita alla Compagnia Musella-Mazzarelli, portando in scena “Due Cani, ovvero la tragica farsa di Sacco e Vanzetti” (2008), “Figli di un brutto Dio” (Premio In-box 2010), “Crac Machine” (2011), “La Società” (2012) premio ANCT alla drammaturgia, “Strategie fatali” (2015) premio Hystrio alla drammaturgia. Nel 2016 mette in scena “L’ammore nun è ammore”, 30 sonetti di Shakespeare tradotti da Dario Jacobelli. Nel 2019 è unico interprete in “The Night Writer. Giornale notturno” di Jan Fabre, che gli vale il Premio UBU come miglior attore 2019. In televisione ha recitato in Gomorra la serie e The Joung Pope. Al cinema esordisce nel 2013 nel film Happy Days Motel. Lavora poi con Paolo Sorrentino, Pupi Avati e altri. Nel 2021 dirige e interpreta “Tavola tavola, chiodo chiodo” dai carteggi di Eduardo De Filippo. Al cinema esordisce nel 2013 in “Happy Days Motel”. Nel 2021 è candidato al David di Donatello come migliore attore non protagonista in “Favolacce”. Nel 2021 interpreta Benedetto Croce in “Qui rido io” di Mario Martone 2021; recita in “Lei mi parla ancora” di Pupi Avati; “Il bambino nascosto” regia di Roberto Andò; “Tigers” diretto da Ronnie Sandahl; “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino.

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web