Seguendo l’arte di Gennaro Cannavacciuolo

Redazione

Al Teatro Ghione di Roma, il 24 maggio 2024, alle ore 20, si terrà la serata di premiazione della prima edizione del Premio Gennaro Cannavacciuolo, promosso dall’Associazione che porta il suo nome. Nel corso della quale saranno assegnate 3 targhe per menzioni di merito, oltre al Premio che verrà attribuito al primo classificato. I 4 finalisti saranno invitati ad esibirsi sul palcoscenico del Teatro Ghione.

La serata sarà condotta da Nino Graziano Luca, sotto la direzione artistica di Volfgango Vaccaro, e accompagnata dall’ensemble musicale diretta dal M° Andrea Tardioli e con i pianisti Marco Bucci e Dario Pierini.

L’obiettivo del Premio è quello di sostenere giovani attori/attrici tra i 18 e 33 anni che si contraddistinguono per le loro capacità espressive poliedriche, per il loro talento e preparazione tecnica, consentendo loro di esprimersi attraverso il canto, la recitazione, la danza. Guardando al talento e alla bravura di Gennaro Cannavacciuolo.

Una serata all’insegna dello spettacolo con giovani talenti da scoprire, in cui la giuria assegnerà il Primo premio all’artista che si sarà distinto per talento, creatività, originalità, ricevendo un riconoscimento in denaro, un voucher per l’iscrizione a una o più masterclass a scelta, uno shooting fotografico professionale ed un voucher per un pernottamento e/o viaggio professionale.

Gennaro Cannavacciuolo nel recital “Milva”

LA GIURIA 

La giuria del Premio Gennaro Cannavacciuolo, presieduta da affermati artisti del panorama cinematografico, televisivo e teatrale, è composta da Pino Strabioli (regista, attore, giornalista e conduttore), Luciano Mattia Cannito (coreografo e regista), Enzo Decaro (attore e sceneggiatore), Barbara Giordani (casting director), Maria Giuseppina Troccoli (Commissario Straordinario Roma Lazio Film Commission), ha decretato i quattro finalisti su 42 candidati provenienti da tutt’Italia.

Petrolini, padre dell’avanspettacolo, diceva che l’arte sta nel deformare. Gennaro Cannavacciuolo, nella sua lunga carriera ha sempre colto questo indirizzo”. Dichiara l’onorevole Mollicone. “Gennaro Cannavacciuolo ha rappresentato uno stile poliedrico ispirandosi a quello che fu uno dei suoi più grandi maestri, Eduardo De Filippo. Esprimendosi dal comico al tragico, passando per il cabaret, le operette, i musical ed il cinema. – conclude – Il teatro era un suo amico fedele ed intimo, mentre egli vedeva la professione d’attore come una sorta di missione sacra”, ha concluso.

INFO

Ingresso libero – prenotazione obbligatoria

Tel. 06 637 2294 – 328 0183 987 ~ mail: info@teatroghione.it

 

Categorie

Ultimi articoli

Social links

Notizie Teatrali © All rights reserved

Powered by Fancy Web